di

 

Se il primo trimestre è caratterizzato soprattutto dalla presenza di nausea, man mano che la pancia cresce si presenta un altro problema: l’acidità di stomaco (“pirosi gastrica”).

Questo sintomo origina dal fatto che il contenuto gastrico si svuota più lentamente nel duodeno, per effetto del progesterone, e l’acido, normalmente prodotto dallo stomaco, refluisce verso l’esofago, creando senso di disagio e talora dolore retrosternale. La cosa si complica nel proseguo della gravidanza, quando l’aumento di volume dell’utero spinge i visceri addominali verso l’alto, con il risultato che chi soffre di disturbi legati all’ernia iatale o al reflusso gastroesofageo vede peggiorare i propri sintomi.

Che cosa fare?

  • la prima cosa è sicuramente agire sull’alimentazione, facendo pasti piccoli e frequenti. In gravidanza è consigliato dividere i pasti in tre principali (colazione, pranzo e cena) e due spuntini
  • evitare cibi che favoriscono il reflusso, quali cioccolato, caffè, menta
  • evitare succhi di frutta, bibite gasate e zuccherate
  • assumere l’acqua a piccoli sorsi, costantemente durante la giornata, soprattutto quando si avverte la sensazione del reflusso
  • coricarsi almeno tre ore dopo cena
  • dormire con la testa rialzata (mettendo un cuneo sotto il materasso, o usando diversi cuscini).
  • In gravidanza non si dovrebbero usare i farmaci che riducono la produzione di acido da parte dello stomaco (inibitori della pompa protonica)
  • si possono però usare gli antiacidi, che hanno semplicemente la funzione di tamponare l’acidità dello stomaco, quali bicarbonato, e prodotti appositamente studiati
    • alginato: oltre a tamponare l’acidità, crea un gel, che ostacola il reflusso
    • sodio alginato e potassio bicarbonato
    • magnesio idrossido + alluminio idrossido
    • Gli antiacidi vanno utilizzati al termine dei pasti principali, una o due volte al giorno, o secondo parere del medico.
  • tisane con camomilla: hanno un effetto spasmolitico, cioè aiutano lo stomaco a rilassarsi
  • tisane con malva: l’effetto benefico sul tubo digerente dipende dalla presenza di mucillagini, fibre che proteggono la mucosa gastrica.

Infine una curiosità: la tradizione popolare ci dice che il bruciore di stomaco “son capelli”, e uno studio del 2006 sembra confermarlo!

Riferimenti

Birth. 2006 Dec;33(4):311-4. Pregnancy folklore revisited: the case of heartburn and hair. Costigan KA, Sipsma HL, DiPietro JA.

Bruciore di stomaco in gravidanza
3.1 13 voti