Malformazione adenomatoide cistica (CCAM)

di

 

La malformazione adenomatoide cistica (CCAM) è una condizione caratterizzata dalla presenza di un’area di tessuto polmonare, che presenta un’ostruzione delle vie aeree, e pertanto si espande, pur continuando ad essere nutrita dalle arterie polmonari. La CCAM presenta una frequenza di uno su 4000 nati.

Ecograficamente si apprezza come un’area iperecogena, nettamente delimitata rispetto al parenchima polmonare. Esistono tre tipi di CCAM: macrocistica, microcistica e mista, che si differenziano rispetto alle dimensioni delle cisti.

La diagnosi differenziale si pone rispetto a:

La CCAM può essere un reperto isolato, oppure associarsi ad anomalie cardiache, raramente ad anomalie cromosomiche. Se la CCAM è molto grande, lo sbandamento del mediastino può compromettere il ritorno venoso al cuore ed essere causa di idrope.

La gestione di questa condizione prevede:

La prognosi di questa condizione è solitamente positiva, in assenza di idrope, ed esiste la possibilità di una regressione spontanea in utero. Pertanto, la CCAM deve essere confermata dopo la nascita, mediante esame TAC. Richiede intervento chirurgico, per il rischio, seppure raro, di trasformazione cancerosa. Se la CCAM è molto estesa, può lasciare come esito la scoliosi.

Malformazione adenomatoide cistica (CCAM)
Vota questo contenuto
The following two tabs change content below.
Ginecologa esperta in medicina naturale, Counsellor centrato sulla persona. Si occupa di gravidanza e di problemi ormonali.